Nuovi Concorsi Notizie

Notizie sul mondo dei concorsi pubblici, militari e di polizia

Le missioni all’estero dei nostri Carabinieri

La duplice natura di Forza Militare e di Polizia rende quasi indispensabile la partecipazione dei Carabinieri in molte missioni estere: con compiti diversi e complessi.

missioni carabinieriEntrare nell′Arma dei Carabinieri significa anche partecipare a molte missioni all′estero; del resto la duplice natura di Forza Militare e di Polizia fa di queste partecipazioni qualcosa di fisiologico nell’operatività dell′arma. Allora facciamo una carrellata su quelle che sono le missioni all’estero dei nostri Carabinieri. Le varie missioni hanno diverse nature che vanno dall’addestramento, dalle azioni di supporto nel controllo dei diritti umani la dove siano minacciati, ma anche nel ripristino della pubblica sicurezza nei teatri di particolari sommosse o guerre.
Uno degli scopi più importanti che vedono l’intervento dei Carabinieri all’estero vi è quello, delicatissimo, della riorganizzazione o ricostruzione totale delle forze di polizia in alcuni paesi. A tal proposito è appena cominciata una missione di questo tipo a Gibuti. Nella città africana saranno alcuni istruttori dei Carabinieri che avranno il compito di addestrare circa 200 poliziotti locali. Questa importante missione avviene nell’ambito di un più vasto programma di collaborazione italiana alla Somalia che va dalla lotta al terrorismo ma anche al contrasto alla pericolosa e rinascente pirateria.

Le missioni all’estero dei nostri Carabinieri può contare sul lavoro, delicato e complesso, dei reggimenti chiamati MSU e cioè Multinational Specialized Unit. Questi reggimenti, per la particolare professionalità ed esperienza acquisita negli anni, garantiscono una flessibilità operativa che rappresenta il motivo dell’efficacia di queste missioni. Flessibilità necessaria proprio per poter interagire, con il massimo dell’integrazione, proprio con le forze locali dei diversi paesi di intervento.

Altrettanto importanti, sia dal punto di vista operativo sia strategico, sono i reggimenti IPU, specializzati nelle attività più prettamente investigative, di contrasto al terrorismo e nella fondamentale raccolta di informazioni, essenziale per proseguire qualunque azione operativa.

Molte sono state le missioni estere dell’Arma; alcune sotto l’egida dell’ONU altre sotto quella della NATO. Tra le prime la missione UNIFIL che, dal 2006, vede i nostri carabinieri presenti in Libano per operazioni tecniche; sempre missione ONU quella che ha visto militari dell’Arma inviati nell’Haiti post terremoto. Tra le missioni NATO quelle, celeberrime, in Bosnia e nel Kossovo.

Delicatissima e essenziale per il nuovo assetto strategico nato dalla destituzione di Saddam Hussein in Iraq è la missione NATO Training Mission che vede impegnata un’unità addestrativa dal 2007. Dal 2008 i carabinieri sono presenti anche in Afghanistan nell’ambito della missione ISAF dove svolgono operazioni di polizia militare e di addestramento ai Battaglioni mobili della polizia afghana. Ma moltissimi altri sono i paesi e le zone in giro per il mondo in cui i nostri carabinieri sono presenti con la loro professionalità e le loro straordinarie capacità di consulenza e addestramento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *