Nuovi Concorsi Notizie

Notizie sul mondo dei concorsi pubblici, militari e di polizia

Fanteria: la regina delle battaglie

Ruolo, storia e specializzazioni della fanteria, l'arma dell'esercito per eccellenza, dall'antichità ai giorni nostri. Per il suo ruolo preponderante la fanteria è stata definita "regina delle battaglie".

fanteriaE’ definita fanteria quell’arma dell’esercito composta dai fanti, cioè i soldati a piedi.
La fanteria è da sempre l’elemento fondamentale e determinante di ogni esercito, sia antico che moderno, tanto da essere definito la “regina delle battaglie”.
I reparti di fanteria sono unità militari a costi abbastanza ridotti, non sono dotati di equipaggiamento particolarmente sofisticato e hanno minori esigenze se confrontate con unità di altre specialità. I fanti hanno in dotazione per lo più armi individuali e un numero ridotto di armi cosiddette di reparto. Quello che rende preziosa la fanteria è la capacità di poter combattere in qualsiasi condizione e su qualunque tipo di terreno. Le destinazioni dei fanti sono soprattutto:
• scontri di massa;
• consolidamento delle posizioni;
• controllo territoriale.

Nel corso del tempo le fanterie si sono tecnologicamente evolute, in primis grazie al perfezionamento della tecnologia bellica e anche in virtù di quello snellimento delle forze armate che si è verificato in tutti i Paesi. I fanti sono così riuniti in unità numericamente ridotte ed ad altissima efficienza. Rispetto al passato oggi la fanteria, oltre ai compiti tradizionali, svolge anche compiti ad alta specializzazione così divisibili:
• attività di acquisizione obiettivi;
• pattugliamento;
• rastrellamento;
• interdizione d’area;
• sabotaggio;
• guerriglia e antiguerriglia.

L’Arma di Fanteria da sempre è il simbolo per eccellenza degli eserciti ed è legata alle immagini delle trincee e ai grandi scontri campali.
Oggi il soldato di Fanteria ha sensibilmente mutato il suo ruolo in chiave tecnologica: il supporto che viene fornito dai sistemi d’arma lo rendono un elemento essenziale di un sistema d’arma estremamente sofisticato e non più un’anonima pedina isolata.

Lo sviluppo delle tattiche belliche e di combattimento hanno portato alla nascita di diverse specialità all’interno della fanteria che fossero capaci di agire a piccole unità rapide ed insidiose come ad esempio i Bersaglieri; e in grado di muoversi e combattere in ambiente montano, come ad esempio gli Alpini.
Il mutamento radicale del ruolo del fante rispetto al suo ruolo antico e ottocentesco, si può chiaramente vedere nella specializzazione dei paracadutisti: nel loro caso un mezzo di emergenza si è trasformato in uno strumento principale di accesso al campo di battaglia. I Paracadutisti sono l’eccellenza della fanteria, di cui riassumono le caratteristiche migliori.
Non solo: le aree costiere, fluviali e lacustri sono appannaggio dei Lagunari, fanti ad altissima specializzazione.

La Scuola di Fanteria è l’istituto dove si svolge tutto l’iter degli Ufficiali, Sottufficiali e Volontari dell’Arma di Fanteria dell’Esercito Italiano, dalla formazione fino alla specializzazione
La Scuola è dotata di un proprio Stato Maggiore e da essa dipendono il reggimento, organizzato in tre battaglioni, nonché il Centro di Addestramento alle Operazioni di Risposta alle Crisi.
L’attività della Scuola, mira alla formazione e alla specializzazione degli Allievi Ufficiali, dei Marescialli e degli Allievi Sergenti. Inoltre svolge un ruolo di qualificazione di aggiornamento e di specializzazione per Ufficiali, Sottufficiali, Volontari in servizio permanente oltre a quelli in ferma prefissata.

La Scuola si trova in Cesano di Roma (RM).




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *